SIS SrlSIS Srl

by alessandra

Nuova normativa rodenticidi: cosa cambia per gli acquirenti
I biocidi sono composti chimici utilizzati per diverse funzioni, principalmente per eliminare o rendere innocui gli organismi nocivi. Tra i biocidi più diffusi non possono non citarsi i topicidi o rodenticidi.

Attualmente sono individuate tre tipologie di acquirenti di biocidi:
• General Public (utilizzatori non professionisti), consumatori che potrebbero aver bisogno in maniera occasionale del prodotto per fini privati;
• Professional (professionisti), individui che fanno uso di biocidi nello svolgimento della propria attività professionale in diversi settori, tra cui: agricoltura, zootecnia, imballaggio, stoccaggio, distribuzione e vendita, etc.
• Trained Professional (professionisti formati), coloro che utilizzano i biocidi nell’ambito dell’esercizio d’impresa di derattizzazione.

Il Ministero della Salute ha recentemente fornito indicazioni relative al rinnovo e alla modifica delle autorizzazioni dei prodotti biocidi che appartengono al PT 14 rodenticidi. Tra queste, vi è la richiesta di modifica maggiore (MAC) per le variazioni della concentrazione del principio attivo presente in tali prodotti. A questo proposito bisogna fare riferimento al Regolamento Comunitario 2016/1179, pubblicato il 19 luglio 2017 e in vigore dall’1 marzo 2018. Questo Regolamento, infatti, ha introdotto l’obbligo di classificare come prodotti pericolosi i rodenticidi. Ciò comporta delle modifiche relative alla vendita di tali prodotti, in quanto la soglia critica di principio attivo in essi contenuti passa dallo 0,005% allo 0,003%. Più precisamente i topicidi sono stati riclassificati nel seguente modo:

• Prodotti con principio attivo superiore allo 0,003%: solo per uso professionale;
• Prodotti con principio attivo inferiore allo 0,003%: destinati all’utilizzo anche da parte del consumatore finale.

Questi ultimi utilizzatori non professionisti che, invece, in data 1 marzo 2018 possedevano tali prodotti per averli acquistati precedentemente potranno farne uso fino all’1 settembre 2018. Dopodiché, potranno acquistare e utilizzare solo prodotti il cui principio attivo non supera lo 0,003%. Rimarrà da vedere se tale concentrazione permetterà di garantire il risultato e risolvere il problema, dal momento che finora è la concentrazione di 0,005% a essere stata considerata quella letale per i topi e i ratti. Sconsigliamo agli utenti di provare l’utilizzo di questi prodotti riclassificati.

Rimaniamo sempre a disposizione qualora non dovessero risolvere (completamente) il problema riscontrato con questa tipologia di infestanti per intervenire in modo professionale con tecniche e metodi sempre all’avanguardia e di sicuro effetto.

TEQ CONSULTING SRLS

 

alessandra
About alessandra
Nuova normativa rodenticidi (esche contro topi e ratti)