SIS SrlSIS Srl

WIKINFESTAZIONI

Blatte


Ord.: Blattodea – Fam.: Battellidae – Gen.: Blattella

Le BLATTE (o SCARAFAGGI) sono insetti cosmopoliti. Ne esistono più di 4000 specie, e tra queste sono molto poche le specie che infestano edifici e case.

Descrizione

La forma del corpo è ovale e appiattita, la testa punta verso il basso. I colori tendono allo scuro. Possiedono due occhi composti e lunghe antenne filiformi (organi senso-tattili, utilizzati per sondare gli spazi). L’apparato boccale è masticatore, con palpi mascellari e labiali e mandibole corte e robuste. Il torace è formato da tre segmenti: protorace, mesotorace e metatorace. Hanno sei zampe, con processi spinosi a livello delle tibie del terzo paio di zampe e in genere hanno 2 paia di ali, spesso molto ridotte, di cui quelle anteriori sono molto ispessite. L’addome, che è il segmento più ampio, termina con due appendici (cerci) alle quali se ne aggiungono altre due più piccole (stili) nei maschi.

Caratteristiche

Le blatte depongono uova, in numero variabile a seconda della specie, dell’ordine di diverse decine. Dopo la fecondazione si forma un contenitore detto ooteca, suddiviso in cellette verticali, ciascuna con un uovo, disposte su due serie allineate. L’ooteca spesso viene trattenuta all’estremità dell’addome e depositata poco prima della schiusa, in un ambiente adatto, in genere buio, umido e riparato.

Una volta nate, le blatte hanno un ciclo di sviluppo lento, che consta dalle 5 alle 10 mute e passa attraverso lo stadio di preneanide, neanide, ninfa e adulto. Si tratta di metamorfosi incomplete, cioè a ogni metamorfosi l’insetto raggiunge un maggiore stadio di sviluppo, ma non lo sviluppo totale, che si raggiunge solo all’ultima metamorfosi.

Abitudini

Sono fitofaghe, ma spesso onnivore, con preferenza di alimenti amilacei e zuccherini. Vivono in colonie composte da individui di differente età, che utilizzano lo stesso ambiente e lo stesso cibo. Necessitano generalmente di ambienti caldi, umidi, bui e con disponibilità di cibo. Odiano la luce e passano il 75% del tempo al riparo nei rifugi. Si alimentano di notte e continuano a nutrirsi nelle stesse aree.

Possiedono una grande prolificità. Le popolazioni si sovrappongono e circa il 75% della popolazione è costituita da ninfe. Quando si mostrano durante le ore diurne, significa che la popolazione è aumentata a dismisura.

Igiene

Le blatte sono considerate prevalentemente sotto l’aspetto igienico, ma va sottolineato che sono anche vettori meccanici di numerosi organismi patogeni, quali batteri, virus, funghi, elminti e protozoi, in quanto passano da ambienti altamente inquinati, ad ambienti di vita normale per gli esseri umani. Quindi la trasmissione all’uomo avviene attraverso la contaminazione meccanica di cibi e utensili. Le possibili malattie trasmissibili sono: salmonellosi, enterobatteriosi, infezioni e setticemie dovute ad altri batteri, peste, tubercolosi, rabbia, dissenteria, epatite A, verminosi (nematodi, cestodi…).

Le blatte inoltre sono fonti di allergeni, soprattutto per patologie respiratorie, quali riniti, bronchiti, attacchi d’asma, ma anche dermatiti. Gli allergeni derivano sia dalle feci, che dalla saliva e/o dal corpo delle stesse. Le blatte rappresentano una delle cause maggiori di diffusione dell’asma nelle grandi città.

BLATTELLA GERMANICA

Ord.: Blattodea – Fam.: Battellidae – Gen.: Blattella – Sp.: Blattella germanica

Leggi la scheda

È di color cappuccino, camoscio pallido o fulvo, di diverse tonalità. La testa è assottigliata, con 2 strisce longitudinali nere sul protono e lunghe antenne mobili. È lunga circa 1-1,5 cm. La femmina è più grande e con addome più arrotondato del maschio. Le ali sono più lunghe del corpo nelle femmine e più corte nei maschi e vengono usate raramente. La femmina può produrre fino a 8 ooteche, a distanza di 3 settimane l’una dall’altra; esse appaiono come capsule marroni, lucenti e contengono da 30 a 40 uova. Generalmente le ooteche non vengono trasportate, ma nascoste in posti sicuri. Il periodo di incubazione delle uova è di circa 15-20 giorni. Il ciclo di vita completo è di 100-160 giorni, garantendo da 2 a 5 generazioni per anno. Una coppia di Blattelle Germaniche può produrre oltre un milione di discendenti l’anno.
La Blattella Germanica è la principale specie infestante in Europa e si è anche largamente diffusa in tutto il resto del mondo. Si trova più facilmente nelle case, ristoranti, bar, magazzini e predilige cucine e bagni domestici. È originaria dei tropici, infatti cerca luoghi caldi, umidi (da qui il nome di blatta fuochista), bui e indisturbati come: motori elettrici, dispense, linee elettriche, tubazioni, stipiti, battiscopa e fessure nei muri. È scattante, risponde agli stimoli esterni, anche acustici e si muove rapidamente su superfici orizzontali verticali, nonché sui soffitti, essendo dotata di ventose. La sua massima attività è nelle ore notturne. Si diffonde facilmente perché trasportata con gli imballi, mobili infestati o per passaggio diretto attraverso le fessure (es. sotto le porte) o le intercapedini, le canaline e le tubazioni asciutte.

BLATTA ORIENTALIS

Ord.: Blattodea – Fam.: Battellidae – Gen.: Blatta – Sp.: Blatta orientalis

Leggi la scheda

L’adulto ha un colore marrone scuro, tendente al nero, mentre le ninfe spesso sono marrone-castano. I maschi hanno ali che coprono circa 2/3 della lunghezza dell’addome, mentre le femmine possiedono solo abbozzi rudimentali di ali; entrambi non sono in grado di volare. La lunghezza è di circa 2,5-3,3 cm.
Le femmine producono 8-10 ooteche, ciascuna delle quali contiene circa 16 uova, lunghe 10 mm. Il periodo di incubazione delle ooteche dura circa da 37 a 80 giorni. Il ciclo di vita è di 10-15 mesi, a seconda delle condizioni climatiche.
Originaria del Nord Africa, si trova ormai in tutto il mondo.

Predilige ambienti umidi, bui e nascosti, come sotterranei, cantine, condutture, fogne e altre zone degli edifici fresche e umide, che si trovino sotto il livello del terreno. Da questi luoghi poi raggiunge le abitazioni. Infatti spesso il nido si trova all’esterno rispetto alle aree apparentemente infestate, che vengono raggiunte dalle blatte attraverso cunicoli o cavità al di sotto del terreno (come le condotte di scarico dei lavandini). Non scala bene superfici verticali, non essendo in grado di arrampicarsi, per cui si trova più facilmente al piano terra degli edifici, sebbene se ne possano scoprire anche in zone più alte.

PERIPLANETA AMERICANA

Ord.: Blattodea – Fam.: Battellidae – Gen.: Periplaneta – Sp.: Periplaneta americana

Leggi la scheda

È di color rosso ruggine, con una banda giallognola attorno al pronoto (sulla testa). I maschi hanno ali che si estendono oltre la punta dell’addome, mentre quelle delle femmine sono di pari lunghezza dell’addome, entrambi possono volare, ma lo fanno raramente.
La lunghezza è di circa 3,4-5,3 cm ed è la più grande tra le specie comuni. La femmina produce 10-30 ooteche, di colore marrone/rosso scuro, ciascuna delle quali contiene circa 16 uova. La loro incubazione va dai 25 ai 50 giorni. Il ciclo di vita è di 8/36 mesi, a seconda delle condizioni climatiche. A eccezione delle ali, che sono assenti negli stadi ninfali, le ninfe sono del tutto simili agli adulti.
Originaria dell’Africa tropicale, la Periplaneta Americana si è ormai diffusa in tutto il mondo. Predilige ambienti sotterranei, fogne, porti e tutti i luoghi sia all’aperto che al chiuso, umidi e bui, sia freschi che caldi. Normalmente si trova negli scarichi, nelle fognature, nei condotti, in altre strutture sotterranee e nelle imbarcazioni. Poiché si nutre di una grande varietà di generi alimentari, è molto frequente trovarla ovunque ci sia cibo immagazzinato o in preparazione. È ghiotta di cibi fermentati. Sebbene i maggiori rifugi siano spesso all’esterno degli edifici, queste blatte si spingono frequentemente all’interno, attraverso condutture, crepe e fessure. È difficile trovare questa specie molto al di sopra del livello del terreno. È un mediocre rampicatore, si sposta facilmente e velocemente su superfici piane o ruvide, ma difficilmente riesce a scalare superfici verticali lisce.

SUPELLA LONGIPALPA

Ord.: Blattodea – Fam.: Battellidae – Gen.: Supella – Sp.: Supella longipalpa

Leggi la scheda

È di colore marrone-rossastro con una corona gialla-bruna intorno al pronoto (sulla testa) e 2 bande trasversali chiare lungo il corpo, le antenne sono lunghissime. È lunga circa 1,3-1,6 cm. Il maschio è più snello rispetto alla femmina e possiede ali, che ricoprono completamente l’addome, mentre quelle delle femmine lasciano la punta dell’addome scoperta. Il maschio adulto può volare.

La femmina produce da cinque a diciotto ooteche, ciascuna delle quali contiene circa 12 uova. Le ooteche sono trasportate per qualche giorno attaccate alle femmine e poi sono incollate nelle fessure dei mobili, dietro i cassetti, le scaffalature, i quadri, sotto le sedie, i tavoli, etc. L’incubazione varia da 35 a 75 giorni, Il ciclo di vita è di 90-160 giorni, secondo le condizioni climatiche.
La Supella Longipalpa proviene dall’America settentrionale, ove è molto diffusa, ma ultimamente si trova anche in Europa. Si può trovare soprattutto nelle abitazioni calde e asciutte e preferisce salotti, camere da letto e mobili (da qui il nome di scarafaggio dei mobili), non necessitando eccessiva umidità. La si trova più facilmente in luoghi alti, all’interno delle stanze, come dietro i quadri, sui pensili, dietro la carta da parati, nelle controsoffittature, nelle illuminazioni, negli interruttori, ma anche dentro la tappezzeria, moquette, o le apparecchiature elettriche (TV, radio, computer, tostapane, forni a microonde…). Si muove rapidamente su superfici orizzontali e verticali, nonché sui soffitti, essendo dotata di ventose. È onnivora, per cui può essere ritrovata anche in luoghi apparentemente privi di attrattivi alimentari, si nutre infatti anche di colla, amidi, alcune tinture, carta da parati, legno molto stagionato. Questa blatta viene generalmente introdotta negli ambienti attraverso mobilio, attrezzature o imballi infestati e può diffondersi rapidamente all’interno di un edificio, passando nelle canaline elettriche, le tubazioni idrauliche o di condizionamento, le intercapedini.

PERIPLANETA AUSTRALASIAE

Ord.: Blattodea – Fam.: Battellidae – Gen.: Periplaneta – Sp.: Periplaneta australasiae

Leggi la scheda

È di colore rosso bruno, con un disegno scuro circondato da una fascia gialla ben marcata (sulla testa). Le ali ricoprono tutto l’addome in entrambi i sessi. I margini delle tegmine hanno una banda giallastra longitudinale. Il corpo è molto schiacciato. La lunghezza è di circa 2,3-3,5 cm.
La femmina produce 20-30 ooteche l’anno, ciascuna delle quali contiene circa 14-16 uova. La loro incubazione è di circa 80 giorni. Il ciclo di vita è di 9/48 mesi, a seconda delle condizioni climatiche. Originaria dell’Australia, predilige le aree tropicali e temperate, ma si è ormai diffusa in tutto il mondo, in Italia è stata introdotta attraverso i flussi commerciali. Predilige luoghi sia all’aperto che al chiuso, umidi, bui e preferibilmente caldi, quali bagni, fogne, canalette di servizi, terrazzi, soffitte, scantinati, spazi aperti. È onnivora.